lunedì 5 novembre 2007

Speranza

Le quattro candele, bruciando, si consumavano lentamente.
Il luogo era talmente silenzioso,
che si poteva ascoltare la loro conversazione.

La prima diceva:
"IO SONO LA PACE,
ma gli uomini non mi vogliono:
penso proprio che non mi resti altro da fare che spegnermi!"
Così fu e, a poco a poco, la candela si lasciò spegnere completamente.

La seconda disse:
"IO SONO LA FEDE
purtroppo non servo a nulla.
Gli uomini non ne vogliono sapere di me, non ha senso che io resti accesa".
Appena ebbe terminato di parlare, una leggera brezza soffiò su di lei e la spense.

Triste triste, la terza candela a sua volta disse:
"IO SONO L'AMORE
non ho la forza per continuare a rimanere accesa.
Gli uomini non mi considerano e non comprendono la mia importanza.
Troppe volte preferiscono odiare!"
E senza attendere oltre, la candela si lasciò spegnere.

...Un bimbo in quel momento entrò nella stanza e vide le tre candele spente.
"Ma cosa fate! Voi dovete rimanere accese, io ho paura del buio!"
E così dicendo scoppiò in lacrime.

Allora la quarta candela, impietositasi disse:
"Non temere, non piangere:
finchè io sarò accesa, potremo sempre riaccendere le altre tre candele:
IO SONO LA SPERANZA"

Con gli occhi lucidi e gonfi di lacrime,
il bimbo prese la candela della speranza e riaccese tutte le altre.

CHE NON SI SPENGA MAI LA SPERANZA
DENTRO IL NOSTRO CUORE...

...e che ciascuno di noi possa essere
lo strumento, come quel bimbo,
capace in ogni momento di riaccendere
con la sua Speranza,
la FEDE, la PACE e l'AMORE.


"La speranza è l'ultima a morire"...già... ma in cosa devo sperare? e se nel cuore di una mamma la speranza si sta spegnendo...come si fa a riaccenderla???

3 commenti:

f ha detto...

Che cosa sperare?
Che domanda difficile! Non sono riuscito a trovare una risposta adeguata... quantomeno si può sperare che questa sofferenza non sia "solo" fine a se stessa.
Come dice la storiella basta una sola candela per riaccendere le altre tre.
Se la tua speranza e la tua fede in questo momento stanno vacillando penso che sia più che comprensibile e umano, ma ci sarà sempre Qualcuno che ti amerà!
Anche l'amore di Zaccheo e l'amore (seppur diverso) delle persone che ti stanno vicino ti potrà aiutare a riaccendere le candele.

Giò ha detto...

Quando senti che la speranza si sta spegnendo pensa al bimbo della favola che ha paura del buio, devi tenere accesa quella fiamma di speranza per il tuo bimbo, per non lasciarlo al buio...lui ha bisogno che la sua mamma speri per lui.
Ha bisogno che la sua mamma e il suo papà lottino con lui..e come dici tu : la speranza è sempre l'ultima a morire..anche quando sembra che tutto vada storto, che tutto il mondo ci remi contro..continuiamo a sperare, perchè ne abbiamo bisogno, perchè è nella nostra natura, perchè non si vive se non si ha speranza.
In bocca al lupo per il vostro piccolo, e spero anche io con voi che arrivi al più presto quanche segno di miglioramento.
Tieni accesa la speranza.

coradcor ha detto...

Conoscevo già questa storia, ma non è la prima volta in cui mi soffermo su di essa e trovo che non coincida perfettamente con quello che penso... capisco che voglia dire che la speranza è il motore della nostra vita, ma so anche che l'Amore vince la morte, per questo cambierei la storia spegnendo la candela della speranza e lascerei accesa quella dell'Amore.